Ramadan ūüĆô

“Neanche l’acqua?”, no neanche l’acqua.¬†

Ve lo dico subito così quando un vostro amico musulmano vi dirà che sta facendo il Ramadan non gli farete questa domanda che sorge sempre spontanea.

Digiuno completo. Dall’alba al tramonto.¬†

E si potr√† mangiare dal tramonto a poco prima dell’alba.

Ramadan √® il mese sacro dell’Islam, mese in cui il profeta Maometto ha ricevuto le prime rivelazioni del Corano.¬†

La data di inizio del Ramadan √® variabile perch√© si fa riferimento al calendario islamico che, a differenza di quello gregoriano, non inizia con la nascita di Ges√Ļ, ma con l’Egira, l’anno in cui Maometto lascia la Mecca per professare l’Islam in altri villaggi della penisola arabica.

622 d.C. 

I vostri occhi imbevuti di occidentalismo potranno cos√¨ continuare a dire¬† che l’ islam √® completamente incompatibile con il vostro mondo e con la vostra evoluzione: d’altronde noi siamo ancora nel 1443.

L’anno islamico fa fede ai cicli lunari, durando cos√¨ 354/355 giorni. Ogni anno, quindi, il Ramadan inizia con circa 10 giorni di anticipo rispetto all’anno precedente.

“S√¨ okay, ma che senso ha non mangiare e non bere?”

Prendi per esempio “Il cammino di Santiago”, che senso ha farsi pi√Ļ di 200 km a piedi in una settimana, quando puoi farteli comodamente in macchina, in due ore?

La risposta la trovi alla fine del cammino. E riguarda te. Io ancora non l’ho fatto, me lo ha detto un amico.

Il Ramadan √® cos√¨, un percorso. Una libera scelta. Autodisciplina, preghiera e meditazione. Un momento dell’anno cui interrompi la quotidianit√† e fai una cosa che dipende solo ed esclusivamente da te.

Digiuno non solo dal cibo, ma da tutto ciò che fa male, non solo al corpo, ma anche alla mente. Non solo a te, ma anche agli altri. Cattivi pensieri su tutto.

√ą difficile solo il primo giorno, ma poi la mente si abitua e di conseguenza il corpo.¬†

Dura un mese.

Un mese per renderti conto dell’inutilit√† di tante cose e dell’importanza di altre, e che forse la certezza di un bicchiere d’acqua, un piatto caldo, qualcuno con cui condividerli e la possibilit√† di poter vedere, tutti i giorni, il Sole sorgere e tramontare, non sono poi cos√¨ lontani dal concetto di “una vita serena.”

“Ramadan Mubarak” se volete augurarlo ai vostri amici musulmani.

E, se avete la possibilità di fare la spesa anche per chi non può permettersela, non dimenticatevi i datteri, saranno graditi. 

Con queste parole di Abdou M. Diouf vi auguriamo buon mese di Ramadan!

 


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *