Ottobre Africano 2021 “Raccontare la storia, raccontare la normalità”

Come raccontare la normalità attraverso il racconto della storia, la storia delle persone? Come vivono i migranti e le nuove generazioni la loro quotidianità? Cosa scrivono? Come si raccontano? Cosa raccontano? Con questa nuova edizione cercheremo di raccontare la normalità dei nuovi cittadini italiani attraverso il racconto delle loro storie, della loro scrittura, del loro vissuto sul piano lavorativo, sportivo e artistico. Sarà fatto attraverso gli occhi e la voce degli scrittori e artisti della migrazione e delle nuove generazioni.

Gli incontri vedranno l’avvicendarsi di scrittori, artisti, sportivi italiani e stranieri, di ragazzi/e delle nuove generazioni, persone che si confronteranno su diversi argomenti tenendo anche conto delle sfide imposte dalla difficile situazione in cui oggi si trova il nostro Paese.

In questa nuova edizione del progetto si intende proporre una riflessione che, a partire dal concetto di racconto, possa fornire degli spunti per riflettere sulle conseguenze e le prospettive future, su come la cultura possa e debba utilizzare le storie dei migranti e delle nuove generazioni, grazie anche alla loro specificità, per far emergere le storie di “ordinaria” normalità, di ricerca di riscatto, di voglia di rivendicare la normalità della loro presenza in Italia.

QuestaèRoma parteciperà attivamente al festival domenica 24 ottobre ore 11.00 nella conferenza “Razzismo, storia e letteratura”.

Intervengono:

Filomeno Lopez – Giornalista e filosofo
Nadeesha Uyangoda – scrittrice
Susanna Owusu Twumwah – Communication officer
Bertrand Mani Ndongbou – Presidente Rete Diaspore del Lazio
Ndjock Ngana – scrittore

Introduce e modera: Kwanza Musi Dos Santos – Presidente QuestaèRoma

Attraverso l’organizzazione del festival Ottobre Africano 2021 e del progetto “I colori del futuro” si vuole sottolineare quanto la cultura sia importante non solo per lo sviluppo economico ma anche per la coesione sociale.

Scarica il programma completo 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *